venerdì 27 luglio 2012

Agnes Browne mamma

Se tutto va bene, mentre voi leggete questo post, che partecipa all'iniziativa di homemademamma, del venerdì, Aliceland e famiglia stanno andando all'aeroporto e stanotte dormiranno in terra irlandese, più precisamente a Dublino. Quindi verrò a trovarvi e risponderò ai vostri commenti più o meno alla metà di agosto ;-)


La scelta del libro di oggi è in tema: vi parlerò del primo volume di una trilogia di Brendan O'Carrol, Agnes Browne mamma
                                                      Agnes Browne mamma

romanzo ambientato alla fine degli anni '60 a Dublino. Protagonista Agnes Browne, una trentaquattrenne dublinese che ha una bancarella di frutta e verdura al mercato. Il libro comincia con la morte di suo marito, Rosso Browne, che la lascia sola con sette figli. Rosso non era proprio un angelo, scommettitore incallito, ubriacone e violento, quindi la sua morte non è interamente una tragedia ;-)


Agnes Browne era in grado di incassare una gran quantità di botte. Ci aveva fatto il callo. Le aveva prese dal padre, le aveva prese a scuola e, com'è ovvio, le aveva prese dal marito, anche se lui gliele dava solo quando pensava di avere un buon motivo.

Altro passaggio tragi-comico, quando l'amica del cuore Marion le chiede se non le manca suo marito, e lei risponde che non le manca proprio per niente, neanche fare l'amore:
"...Non venirmi a dire che non l'hai mai provato?"
"Provato cosa?"
"Lo sai... l'organismo!"
"Mai" dichiarò Agnes spavalda. "E non ci credo che esista"
al che Marion risponde con
Eccome se esiste... Io ce n'ho avuti due... la prima volta due settimane dopo il funerale di Rosso, un venerdì... e l'altro ad agosto!
La conclusione di Agnes è
Be', Rosso Browne, sei proprio uno stronzo. Mi hai lasciata sola con sette orfani, e nemmeno un organismo di cui vantarmi.
In tutti i romanzi di Agnes Browne, nonostante le dure condizioni di vita non mancano mai due cose: l'umorismo e il sogno. In ognuno di questi romanzi c'è la magia di un sogno realizzato, che rende tutto più lieve. Qui c'è la passione di Agnes per Cliff Richard: il più grande desiderio di Agnes è ballare con Cliff Richard, ma quando il cantante viene a Dublino per un concerto, Agnes naturalmente non ha i soldi per comprare il biglietto. Un colpo di fortuna le fa avere i soldi, ma Cliff ha già finito i suoi spettacoli, quindi delusa torna a casa. E qui, nella sua casa del Jarro - turbolento quartiere popolare di Dublino - appare Cliff e la fa ballare, lascio a voi scoprire le circostanze di questo incredibile incontro!

Alla prossima settimana col secondo volume... buona lettura!
Se qualcuno che passa di qui ne ha voglia, può farmi il link al sito di Paola? Thanks!

 
 


 

5 commenti:

  1. Buona vacanza, buone letture. Fatto il link!

    RispondiElimina
  2. Che bello, andate in Irlanda! :)
    Ho già sentito parlare della signora Brown, mi è molto più simpatica ora che ci hai raccontato il primo libro...
    Ciao e buona vacanza!

    RispondiElimina
  3. Buone vacanze! E' da secoli che sogno di andare in Irlanda, ma prima o poi ce la faro' :-D

    Il libro che proponi mi ha stuzzicato... l'ho già segnato in lista!

    Un bacione
    Paola

    RispondiElimina
  4. Durante il liceo ero una patita dell'Irlanda e ho avuto la fortuna di andarci. Poi mi è passata la mania, ma vi sono rimasta molto legata, avendovi trascorso splendide vacanze per due estati. Non conosco questa trilogia...Ma com'è che escono così tante trilogie in questo periodo? :) Rimango in attesa di sapere qualcosa degli altri due volumi. Buone vacanze!

    RispondiElimina